Palau Storia

I una delle più spettacolari diramazioni della costa nord-orientale della Sardegna è situata Palau.
La cittadina, frazione di Tempio Pausania fino al 1959, oggi è Comune autonomo ed ha raggiunto uno straordinario successo nel panorama del turismo internazionale.
Le sue coste artisticamente modellate dalla natura, evocanti surreali ed uniche al mondo rappre sentazioni, come il gigantesco Orso, che, nella sua millenaria immobilità, domina tutto il territorio, si snodano da Porto Liscia a Capo d'Orso, includendo Porto Pollo, Cala Trana, Punta Sardegna, per poi volgersi a Sud a formare la rada di Mezzoschifo.

L' etimologia del suo nome ci riporta al 14° secolo quando i pescatori indicavano col termine "parago", da cui "Parao", i luoghi della costa ritenuti più sicuri e ben riparati dal vento: dunque già nel bel nome esotico e così antico la vocazione turistica della Località.
Il promontorio palaese, come tutto l'arcipelago di La Maddalena era noto fin dai tempi Tolomeo, che nelle sue cartografie denominava il sito "Arcti Promontoria".
La leggenda vuole che Omero, nel descrivere il viaggio di Ulisse, pensasse a questa zona come a uno degli approdi del suo eroe: ognuno creda quel che vuole, ma se c'è un mare dove a pieno ritmo Nettuno poteva giocare con l'alternanza di burrasche e di bonacce con il suo avversario,questo ci pare proprio quello giusto: è infatti qui uno dei luoghi più idonei per lo sport della VELA e dello WINDSURF.
Il primo insediamento documentato è legato a Giovan Domenico Fresi, noto Zecchino. Sul comignolo della sua casa nel centro storico è ancora possibile leggere la data 1.8.1875.
Che cosa spinse Zecchino ad abbandonare le sue campagne di Aggius?
Presto detto: la costruzione delle nuove fortificazioni costiere che dovevano sostituire quelle ormai diroccate del '700.
Furono molti i nuclei familiari che dall'interno della Gallura si riversarono sulla costa, richiamati dalla richiesta di manodopera per la costruzione dei forti di Monte Altura, Capo d'Orso, Baragge.
I numerosi forti che dominano il mare ricordano l' importanza strategica del luogo, a partire dalle conquiste piemontesi della fine del '700, fino alle guerre mondiali.
Nel 1793 i francesi tentarono di impadronirsi dell'Isola: il comando della spedizione che doveva occupare il nord della Sardegna era affidato a Napoleone, che allora giovane luogotenente, occupò per tre giorni la fortezza di Santo Stefano.
Verso il finir del secolo scorso iniziò il popolamento della zona con l'insediamento di pescatori, agricoltori, che hanno saputo utilizzare ottimamente, ai fini del miglioramento della loro condizione socio-economica, la fortunata posizione geografica, quasi equidistante dall'arcipelago maddalenino e dalla Costa Smeralda. Palau dispone oggi non solo di un attrezzatissimo porto turistico, ma è anche scalo per le navi di linea delle grandi Compagnie di navigazione che assicurano i collegamenti con il continente.